• Madagascar | Tsingy di Bemaraha
  • Madagascar | Tsingy di Bemaraha
  • Madagascar | Tsingy di Bemaraha
  • Madagascar | Tsingy di Bemaraha
  • Madagascar | Tsingy di Bemaraha
  • Madagascar | Tsingy di Bemaraha
  • Madagascar | Tsingy di Bemaraha
Madagascar | Tsingy di Bemaraha1 Madagascar | Tsingy di Bemaraha2 Madagascar | Tsingy di Bemaraha3 Madagascar | Tsingy di Bemaraha4 Madagascar | Tsingy di Bemaraha5 Madagascar | Tsingy di Bemaraha6 Madagascar | Tsingy di Bemaraha7

Parco Nazionale degli Tsingy di Bemaraha

Si trova a nord est della città di Morondava, si raggiunge con un viaggio di circa 8 ore di pista e attraversando 2 fiumi a bordo di zattere. Difficile descrivere questo Parco sorprendente, unico nel suo genere e classificato dall’Unesco “Patrimonio dell’Umanità”. Immaginate un grande massiccio di origine carsica che si estende da sud a nord per circa 100 km, scolpito dal fenomeno dell’erosione in modo davvero singolare, frastagliato con guglie (in malgascio tsingy) alte centinaia di metri, appuntite e affilate, tra esse profondi canyon.

Il clima in questa foresta di pietra è secco per molti mesi all’anno, ma grazie a fiumi sotterranei che hanno scavato grotte, la vita della flora endemica è possibile.

I calcari si sono formati in epoca giurassica quando l’odierno Madagascar era per la maggior parte sommerso dall’oceano. Gli studiosi stimano che circa l’80% della flora e della fauna in questa area sia endemica e si adattati a sopravvivere in condizioni incredibili.

Nonostante l’accesso al Parco non sia facile e costringa il viaggiatore a deviare dagli itinerari tradizionali volando su Morondava e percorrendo sia all’andata che al ritorno una lunga pista in parte dissestata, il Parco degli Tsingy de Bemeraha merita certamente di essere visto.

All’interno del Parco ci sono vari circuiti, quello più significativo è quello dei Grand Tsingy a cui è possibile abbinare una estensione nella immensa grotta di Broadway. Il percorso di circa 6 ore a piedi e circa 1 ora di trasferimento in auto consente di “arrampicarsi” tra le spettacolari cattedrali che costituiscono il massiccio e di avventurarsi in una grande grotta. Alcuni passaggi presentano delle difficoltà ed è necessario essere allenati e abituati a camminare su percorsi impervi di montagna. Per sicurezza è obbligatorio l’uso di una imbragatura che vi permetterà di camminare in sicurezza nei punti più difficili, non dimenticate infatti che gli tsingy sono appuntiti e taglienti per cui cadere sopra a queste rocce comporta delle ferite che possono guastarvi il resto della vacanza.

Nel Parco si possono fare anche circuiti più brevi e alla portata di tutti ma non avrete le stesse emozioni del circuito “Grand Tsingy”.

Periodo del viaggio: da Maggio ad Ottobre.

Programmi di viaggio che includono questo Parco:  Tsingy

Approfondimenti: articolo sulla Rivista Oasis